🌜

Un piccolo passo
per l’uomo…

goa-boa 2019

Mercoledì 17
Luglio 2019

FAST ANIMALS
AND SLOW KIDS
RANCORE
GIORGIO CANALI
+
Altri ospiti
TBA

GOA-BOA
FESTIVAL

GENOVA
PORTO ANTICO
ARENA DEL MARE 

ORARI
Apertura porte
e biglietteria
ore 18.30

BIGLIETTI
PRESTO IN VENDITA

BIGLIETTI
in vendita online
VIVATICKET

BIGLIETTI
vendita offline
GOABOX
Piazza Pollaiuoli 66R Genova;
oppure
cerca qui il posto vendita
più vicino a te:
PREVENDITE AUTORIZZATE

Partecipa

EVENTO Facebook

Già anima e chitarra disturbata dei CSI, CCCP, PGR, Giorgio Canali è uno degli ultimi romantici maledetti della scena musicale italiana: solca implacabilmente il mare magnum del nostro tempo, con un misto di timidezza, arroganza e dolcezza che è solo suo. Il suo ultimo disco è probabilmente il migliore che abbia mai prodotto.

“Undici canzoni di merda con la pioggia dentro” è il nuovo album di inediti di Giorgio Canali  & Rossofuoco, uscito il 5 ottobre 2018 per La Tempesta e anticipato dall’uscita del brano “Fuochi supplementari”.

Ottavo album della discografia ufficiale di Giorgio Canali e settimo con Rossofuoco, la band di cui è voce e chitarra, “Undici canzoni di merda con la pioggia dentro” arriva sette anni dopo l’uscita di “Rojo” e due anni dopo “Perle per porci”, un album atipico composto di cover.


In questo nuovo lavoro l’artista pubblica undici brani inediti, suscitati dall’atmosfera pesante della bassa padana e dalle finte arie di cambiamento di un mondo in perenne evoluzione ma costantemente regolato e governato dagli stessi principi e dalle stesse caste di sempre.

Già anima e chitarra disturbata dei CSI, CCCP, PRG, Giorgio Canali è uno degli ultimi romantici maledetti della scena musicale italiana: solca implacabilmente il mare magnum del nostro tempo, con un misto di timidezza, arroganza e dolcezza che è solo suo. “Undici canzoni di merda con la pioggia dentro” è un album in equilibrio perfetto tra temi personali e intimi, critica sociale e visione, attraversato da immagini fulminanti. È un disco che non assomiglia a nessuno dei precedenti, pur risultando immediatamente riconoscibile anche a un ascoltatore poco attento.

Il titolo del nuovo disco è un’autocitazione: in “Orfani dei cieli“, traccia che concludeva l’album Rojo, un verso amaro e autoironico recitava “come se avessimo bisogno di un’altra canzone di merda con la pioggia dentro“. Eccone dunque undici, una dopo l’altra.

Giorgio Canali  facebook